"Riflessioni Personali"


Il desiderio incolmabile di essere protagonisti e testimoni, dei tempi dei luoghi, degli eventi che percorrono e attraversano l’esistente, ha spinto sin dai tempi più remoti l’uomo a tracciare, segnare e imprimere nelle materie e agli elementi, “il proprio sentore”, testimonianza indelebile del proprio passaggio in questo mondo.

Ciò che di più intimo e nascosto risiede nei meandri della mente umana, attraverso tale “Medium”, ossia la creazione artistica, qualunque essa sia, si manifesta improvvisamente, riempiendo di stupore e meraviglia il creatore stesso dell’opera, primo spettatore privilegiato del “messaggio”, della “rivelazione”, bella o brutta che sia: essenza e fine ultimo dell’opera, codificata e rivelata attraverso gli elementi oggettivi e non, che la compongono.

Il messaggio, quindi, l’essenza celata dall’opera è l’elemento che permette all’opera stessa di essere tale:  un manufatto frutto dell’ingegno umano, divenuto qualcosa di unico e irripetibile….

© Angelo U. E. Porciello/Tutti i diritti sono riservati.